È ILLECITO!

È notizia che la Chiesa non può benedire coppie omosessuali.

Ma la Chiesa non è custode delle benedizioni di Dio.

Benedizione significa “il bene”, benedire “dire-bene”, pronunciare una parola di bene, di coraggio, augurio di bene-essere, di futuro, di felicità.

Gesù è passato su questa terra solo facendo il bene e bene-dicendo. Ha pronunciato parole buone su tutti: delinquenti, ladri, prostitute, adultere, assassini, traditori..

Le uniche parole non di bene le ha rivolte ai sacerdoti e ai funzionari della religione: “Ipocriti, serpenti, razza di vipere, guide cieche, sepolcri imbiancati…”. Gesù vedeva già allora così lontano…

Sono centinaia le benedizioni possibili che la Chiesa autorizza a dispensare. Tra queste: benedizioni di aerei, eserciti con tutti gli armamenti annessi, vedi cappellani militari; computer, fiumi, gola, palestre, pecore, prati, stadi, asini, telefoni, api, radio, negozi… e uova pasquali! Sì, anche uova pasquali! Sono più di cento le benedizioni ammesse.

A questo proposito la gran parte della Conferenza episcopale tedesca si è così espressa con vari suoi altri rappresentanti: “ Continueremo ad accompagnare tutte le persone nella cura pastorale se lo richiedono, indipendentemente dalla situazione di vita. Dà l’impressione che l’attuale dibattito teologico in varie parti della Chiesa universale, anche qui in Germania, debba terminare il più rapidamente possibile, cosa che non è perché la discussione procede intensamente e con buoni argomenti, e le indagini teologiche sulla pratica pastorale oggi non possono essere eliminate semplicemente con un’affermazione di potere”.

Aldo Antonelli, prete di Artrosano, l’Aquila, scrive: “ Mi chiedo di quale disegno divino facciano parte gli eserciti e i carri armati e tutte le armi che puntualmente vengano benedette! ( tra l’altro la stessa benedizione viene effettuata nei campo opposti! n.d.r). mi chiedo di quale strano disegno divino facciano parte le ville dei mafiosi benedette da preti consenzienti e mai richiamati dai pasdaran del Sant’Uffizio che, invece, si permette di richiamare i vescovi tedeschi che benedicono le coppie omo. Benedicono e non celebrano un sacramento!

In conclusione sono portato a pensare due cose:

*A monte della dichiarazione dell’ex Sant’Uffizio ci sia la mania sessuofobica che sempre ha accompagnato gli uffici curiali della grande Organizzazione/Chiesa.

* Che papa Francesco abbia dovuto cedere alla parte ultraconservatrice della Curia Romana al fine di evitare strappi ulteriori”.

Il fatto, comunque, è che dopo l’enciclica Fratelli tutti, non si può pensare che nel “tutti” ci possa essere una categoria di persone da escludere per principio, se si afferma che “Dio ama ogni persona” se ne devono trarre le conseguenze.

Forza!

(46)

 113 total views,  1 views today