ArticoliImmagini e ParoleNews ed Eventi

Presentazione del Libro “Arlecchino Gastronomico”

C’IAVEMO LE PROVE!!!

 

Ve aricordate che ‘ngiro pe’ Roma nostra c’era ‘n gruppo

strano che frequentava le osterie malfamate

e che parlava de libbertà?

L’avemo beccati pe la seconna vorta!

Mo so cavoli loro!

Nun ponno di che nun è vero che se riunischeno pe

magnà come li lupi de li monti nostri. E no! Ce so le prove.

Magneno (ammazza se magnano) beveno, se mbriacano e poi canteno.

Stavorta pare che parlaveno de ‘nlibretto novo che parlava de magnà.

E come te sbaji? De che voi che parleno?

Pare che er titolo fa riferimento a uno de na repubblica

che nun è mai stata amica nostra,

anzi è sempre stata fra li nemichi der nostro regno: Arlecchino che fa er gastronomo.

Uno che nun cià du sordi pe fa cantà ‘nceco.

Tanto è vero che va ‘ngiro cor ‘vestito fatto de toppe

de tutte le pezze colorate che a trovato.

Gira che te rigira, sempre lì va a fenì er discorso.

Ma stavorta ce semo. Co le prove puro dell’artra vorta tutte messe ‘nsieme,

faremo festa granne cor doppio cappio o co quer strumento novo che vie da la Francia

che dice che er condannato nemmeno se ne accorge che sta già all’artro Monno.

Avemo già trasmesso a tutti li armiggeri l’ordine de catturalli.

Na cosa ve dovemo di: nun fate guardà li disegni a li fiji vostri!

So tarmente brutti che se vedeno puro le impronte de satana (che Dio ce ne scampi e libberi).

Se c’avete coraggio, guardateli nell’occhi, so tutti rossi

come er padrone loro che quanno saranno morti se li porterà tutti ar carduccio suo.

Er cardinale aricommanna le litanie e le penitenze gravi perché dice che questi fanno davero paura.

L’indurgenza plenaria è assicurata.

Pe nun sbajavve portaveve puro l’ajio e er peperoncino.

 

Er Bargello

Domenico Donati

 

(5149)

Loading