HITLER ARTIFICIALI?

  una Terra 
un popolo
una Costituzione
una scuola
NEWSLETTER N. 28 DEL 9 GENNAIO 2021

HITLER ARTIFICIALI? seminario
    Gentili amiche ed amici,
la nostra proposta di un costituzionalismo globale che faccia di tutti noi madri e padri costituenti di una Costituzione della Terra è giunta al suo secondo anno di vita con promettenti prospettive. La crisi della democrazia americana, che ha appena svelato come vi sia un fascismo in agguato negli stessi Stati Uniti, mostra ancora una volta quanto sia necessario ed urgente istituire un ordinamento costituzionale mondiale che salvaguardi la Terra e proclami e tuteli con efficaci garanzie i diritti fondamentali di tutti gli abitanti del Pianeta.
La nostra “Costituente Terra” perseguendo il suo progetto della promozione di un nuovo pensiero e di una critica della deriva in atto ai fini dell’instaurazione di tale nuovo ordine mondiale, comincia il suo programma per il 2021,  con un seminario volto a porre in questione la  grande realtà mitica del nostro  tempo: l’informatica e la digitalizzazione universale. Tutti ne sappiamo le meraviglie, ma non tutti sono al corrente delle problematiche e dei pericoli che vi sono connessi, che possono giungere fino a gravi perturbazioni delle libertà e dell’ambiente umano, tanto che una delle sezioni del nostro sito e della relativa ”Biblioteca di Alessandria”, è stata intitolata agli “Hitler artificiali”. È significativo che  nel momento cruciale dell’assedio al Campidoglio a Washington i responsabili dei colossi informatici abbiano dovuto impedire al Presidente eversore degli Stati Uniti Donald Trump l’accesso ai social, cosa peraltro che apre  più problemi di quanti ne risolva.
Il primo seminario dell’anno (in via informatica!) sarà destinato a questo tema e sarà tenuto il 27 gennaio 2021 alle ore 16, su una piattaforma digitale il cui link sarà comunicato a tutti coloro, iscritti o no a “Costituente Terra”, che vorranno partecipare, e lo chiederanno rispondendo a questo indirizzo o scrivendo  a <paolosordi@pm.me>.
La proposta di seminario è stata elaborata da tre autorevoli esperti di informatica umanistica: Paolo Sordi, dell’Università  LUMSA, Domenico Fiormonte, dell’Università  di Roma Tre, Paolo Monella dell’Università di Palermo. 
.
 Il seminario è impostato così:
 
 Geopolitica della conoscenza digitale


 Come Internet, e in generale i processi di digitalizzazione, hanno  cambiato l’idea e la pratica di conoscenza? Il seminario illustra  l’abbandono da parte della rete di un modello aperto di scambio e diffusione dei saperi per trasformarsi in un cerchio chiuso di  interessi e manovre geopolitiche globali. Mettere al centro del dibattito la questione della conoscenza ha lo scopo di rendere più  consapevoli del loro ruolo tutti e tutte coloro che lavorano nella  scuola, nell’università e nella ricerca, perché, se le politiche  visibili sembrano ignorare questi settori, la realtà è che tutte le innovazioni maggiori si stanno concentrando in queste aree e i loro  effetti saranno profondi e di lungo periodo.
Una delle conseguenze della standardizzazione prodotta da GAFAM  (l’acronimo attraverso il quale si è soliti indicare Google, Apple,  Facebook, Amazon e Microsoft, alle quali si possono comunque  aggiungere tutti i giganti multinazionali alfieri della società  algoritmica delle piattaforme: Netflix, Airbnb, Uber, ecc.) è infatti la perdita, a vari livelli, della diversità culturale. Per  questo oggi si parla apertamente di “colonialismo digitale” e degli effetti devastanti per le democrazie, le culture, la privacy e i  diritti umani. Eppure, contrariamente alla narrazione dominante,  questa tendenza può essere contrastata e uno degli scopi del  seminario è mostrare come sia possibile progettare e usare  tecnologie e modelli alternativi, rispettosi delle diversità  culturali, sia a livello locale sia globale. Per fare questo saranno illustrati casi di studio, soluzioni e pratiche alternative,  evitando le separazioni classiche tra apocalittici e integrati, spostando la discussione su esempi positivi la cui esistenza è oscurata dallo storytelling velenoso dell’ineluttabilità degli  algoritmi e della profilazione di massa.
 Il seminario si articolerà in tre interventi di 20/30 minuti massimo ciascuno (rispettivamente Fiormonte, Sordi, Monella) che verteranno  su:
 – il potere delle infrastrutture: cavi, snodi, data center, applicazioni,
 – il potere della narrazione: la società delle piattaforme,
 – il potere della formazione: la didattica a distanza privatizzata.
 Un intervento conclusivo comune, della stessa durata, avrà ad oggetto:
 – il contropotere: tecnologie e strumenti per una decolonizzazione  della conoscenza.
Restiamo in attesa della vostra iscrizione.
 
Sul sito “Costituente Terra” pubblichiamo il seguito delle storie di ordinario sfruttamento degli immigrati asserviti ai lavori agricoli, questa volta relative alla Toscana e alla Campania, un appello di medici e scienziati  “Perchè la sanità curi  davvero la salute”, un articolo sulla ineguale distribuzione dei vaccini anti-Covid in Israele e nel Paesi del Sud, e la buona notizia che “Costituente Terra” fa scuola (fino a Mar del Plata!) con una prolusione di Luigi Ferrajoli
 
Con i più cordiali saluti


www.costituenteterra.it

(38)

 87 total views,  1 views today